mercoledì 27 dicembre 2006

Presentazione del blog


Il primo post, che bello!

Avrete gia' letto la presentazione, quindi presumo sappiate l'argomento di discussione di questo blog. Ho pensato di creare questo spazio per dar voce in primis a me stesso, che a breve andro' a vivere per un po' da solo, e a tutti quelli che si trovano o si son trovati nella mia stessa condizione e che vogliono scambiare pareri sull'argomento.

Il 19 gennaio partiro' per Edimburgo, per un periodo di circa sei mesi, periodo in cui lavorero' sulla mia tesi specialistica, ma in particolare faro' le prove generali di come si vive da soli. Saranno delle prove un po' falsate, in quanto il mio soggiorno sara' sovvenzionato dai miei genitori, ma un inizio soft non credo mi faccia male, specialmente a me che per 24 anni ho vissuto a casa con tutte le comodita' che ne comporta.

Finito questo periodo (presumibilmente intorno a giugno) tornero' a Torino per discutere la tesi, che dovrei riuscire a sostenere a meta' luglio. A quel punto si iniziera' a fare sul serio: il mio pensiero e' di trasferirmi a Londra, per iniziare a lavorare e dare gli esami per l'ammissione ai master negli States, ma c'e' tempo per parlare di quello.

Rimane l'idea di fondo comunque: finita l'universita' ANDARE VIA DA CASA. Non voglio fare parte di quella schiera di persone che lavora e vive a casa dei propri genitori. Non critico chi decide di starsene nella casa dove e' nato, avra' sicuramente i suoi ottimi motivi e non sono qua per dire che la mia scelta e' migliore o peggiore dell'altra. Semplicemente andare via da casa dopo l'universita' e' la mia scelta, che intendo intraprendere. Ammiro molto quelli che son gia' via da casa e riescono a barcamenarsi tra lavoro e universita' da soli: a quel livello non ci sono arrivato, spero di raggiungerli presto!!

2 commenti:

Matt ha detto...

Ho fatto un po' di "skimming" attraverso il blog dall'ultimo post fino a qui, dove tutto ebbe inizio. Devo dire due cose. Il primo è che è stato molto divertente leggere qua e la le tue esperienze. La seconda è che qualche pensiero per la testa sul periodo di fine studi/inizio lavoro e qualche fissazione emergente dell'ultimo periodo (GMAT :o ) le ho/le sto vivendo.

In bocca al lupo per tutto,
Matt

Luca Cacchiani ha detto...

Per ora ho tolto il GMAT dalla testa, il nuovo lavoro mi fa preoccupare il giusto ;) In bocca al lupo per il tuo GMAT, e anche se son convinto che non servira' a nulla, ti dico che c'e' una vita oltre al GMAT ;)