lunedì 20 agosto 2007

Ultimo viaggio a Londra

Con oggi chiudo la prima tornata di colloqui della mia vita.

Logica CMG mi ha invitato oggi al suo assessment centre a Londra. Il colloquio si e' svolto dalle 9 del mattino alle 3 del pomeriggio, ed e' stato diviso in quattro fasi.
  • Writing Test: in 50 minuti avevamo da leggere degli appunti di un progetto, schematizzare i punti chiave in un documento e fare un report del lavoro svolto.
  • Interview: classica competency interview, di quelle che si fanno sempre. Mi han chiesto che ci facevo in Scozia, le solite capacita' di leader e quali fossero i concorrenti di Logica CMG. Questo e' durato 30 minuti circa.
  • Psychometric Test: due test distinti, uno da 15 minuti su delle serie numeriche da completare, l'altro da 10 minuti sul check della sintassi di programmazione.
  • Test di Gruppo: solita boiata da 30 minuti dove bisogna assumere un tot di persone in base a delle specifiche. Si e' arrivati quasi alle mani.
E' stato curioso: anche oggi ero il piu' piccino (diamine, un posto Graduate e sono il piu' piccolo?), ed erano tutti arabi tranne due che erano neri. Mai vista una cosa cosi'. E' stato molto meglio che alla IBM comunque: io ero piu' rilassato avendo un contratto in mano, mi son sembrati tutti molto gentili e disponibili. Mi e' piaciuto meno il sistema di assunzioni, rispetto a quello di Atos: qui non sembravano molto interessati a te come persona ed esperienza passata, piu' che altro volevano vedere se corrispondevi ad un certo profilo e basta.

Sia che arriva l'offerta, sia che non arrivi, credo comunque di entrare in Atos. I motivi sono tanti: i soldi che offrono in Atos sono ottimi per vivere a Darlington, quelli che offrono in Logica sono abbastanza pochi per vivere nel sud-west di Londra. Il progetto di Atos mi interessa, in Logica non si sa neanche cosa fare prima di entrare nel gruppo. Darlington e' a 150 miglia da Edinburgh... Londra e' lontana!

Tornando a casa in aereo ripensavo al primo colloquio che ho fatto a Maggio presso la Accenture. Che pena, un po' mi vergogno. Solo un po', poi ci rido su. Tutto e' servito per arrivare alla fine ad un lavoro, anche le batoste prese all'Accenture, da Bloomberg, al telefono alla Norwich, alla IBM, alla DataConnection.. alla fine non son tantissime. Ne avevo ancora tante nella lista, da ottime blue chips a aziendine. Alla fine son stanco, voglio iniziare da qualche parte, e Atos e' un ottimo compromesso: devo acquisire fluidita' in inglese, prima di potermi buttare sulle consulenze, e Atos mi fara' arrivare a questo. Due anni mi son dato, due anni dovro' stringere i denti e rimanere li dentro. Dopo si cambiera', destinazione Londra, azienda finanziaria.

Oggi questo e' il piano, domani si vedra'. A Settembre che torno a Torino vedro' bene di programmare il da farsi nei prossimi due anni. Come avevo fatto finito la triennale, anche se non e' stato proprio rispettato, dato che a breve avrei dovuto prepararmi per le americhe :P

Nessun commento: